Era il lontano 2008 e mi trovavo, un pò pIù giovane rispetto ad oggi, al corso “Progettare il museo. Ideazione  e comunicazione” della Scuola Normale di Pisa. La lezione di Daverio era “Il museo in ansia”. Fu una bellissima esperienza, l’aggiunta di una nota molto colorata allo spartito delle altrettanto piacevoli melodie degli altri docenti che lo avevano preceduto. La relazione, tenuta nel suo stile inconfondibile, giustificava la bontà della mission istituzionale del museo anche nella sua, diciamo così tradizionalità, mi ispirò un senso di legittimazione – i musei servono e basta, conservano e tutelano il nostro patrimonio, lo espongono al pubblico, sono luoghi di studio oltre che di… 

Non andrei oltre, perchè entrerei poi nel campo delle opinioni personali che possono essere molto diverse, il lavoro di ciascuno le condiziona molto, e non volevo  parlare di questo. I grandi maestri si ascoltano e basta, da loro si di impara. A prescindere. Quello che mi colpì maggiormente furono però i discorsi e le chiacchiere fatte nel post, durante l’aperitivo. Due cose su tutte:

1) la tecnica e la regia del noto programma Passepartout; quando la camera si avvicinava al volto, e vice versa, cosa voleva dire? Simulava la dinamica del “prendere per un orecchio il cliente della galleria ed avvicinarlo all’opera perchè capisse e vedesse cosa stavo dicendo”

2) il modo di esporre e di parlare, di “vendere” il prodotto in modo sempre colto e informato, le premesse, le parentesi, gli aneddoti per poi tornare a chiudere il cerchio, a regalare una motivazione storica, dipingendo così un contesto artistico in modo mirabile…ecco, avete presente immagino. Bene, quello lo faceva anche durante gli aperitivi, non è preparazione è una cosa naturale, una dote naturale che abbiamo perso, ma solo in parte. 

Perchè i mestri sono tali, in quanto lasciano qualcosa a molti.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Privacy

La tua iscrizione è avvenuta con successo

Iscriviti al Corso Professionale

Corso professionale

Newsletter

Privacy

La tua iscrizione è avvenuta con successo